Sito dedicato alle Aziende Associate

Cybersecurity: crescono le imprese ‘specialiste’ anti-hacker

Dal 2017 imprese e addetti cresciuti di quattro volte. Nell’ultimo anno +11% per il fatturato

 

Roma, 19 luglio 2019 – Con la digitalizzazione sempre più diffusa crescono anche i rischi per la sicurezza e la privacy come dimostra la crescita mondiale del Cybercrime. Sebbene la percezione dei rischi legati ai crimini informatici nel nostro Paese sia ancora molto bassa, negli ultimi anni si è assistito ad una crescita molto significativa del numero di imprese che offrono strumenti e servizi per combattere questa nuova minaccia.

Secondo un’elaborazione Unioncamere-InfoCamere sui dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio, tra la fine del 2017 e i primi tre mesi del 2019 le imprese italiane che offrono servizi nel campo della sicurezza informatica o della cyber-security sono aumentate di oltre il 300%, passando da poco meno di 700 a oltre 2.800 unità. Non solo nuove aziende ma anche realtà esistenti che, negli ultimi 18 mesi, hanno fatto ingresso nel comparto rivedendo la descrizione della propria attività prevalente. A questo ‘balzo’ nel numero degli operatori ha fatto eco un aumento ancora più marcato (quattro volte) nel numero degli addetti, passati nello stesso periodo da 5.600 a 23.300 unità, corrispondenti ad una media di 8 addetti per azienda al 31 marzo di quest’anno.

La concentrazione più elevata di “custodi digitali” si registra nel Lazio, dove al 31 marzo scorso avevano sede 634 imprese (il 23% del totale) e sempre il Lazio si aggiudica la fetta più consistente della crescita assoluta del periodo (468 imprese in più tra 2017 e marzo 2019, il 22% dell’intero saldo nazionale). A seguire in entrambe le classifiche c’è la Lombardia (con 492 imprese residenti alla fine di marzo e un aumento di 371 aziende dal 2017). A seguire Campania, Sicilia e Puglia si segnalano come le regioni più sensibili al tema della sicurezza informatica e del contrasto professionale al cyber-crime.

Sul fronte degli addetti, le imprese che hanno creato più opportunità di lavoro sono localizzate in Lombardia, Lazio e Trentino Alto Adige che, con i loro 13.909 addetti, rappresentano il 60% di tutto il settore. La Campania, al quinto posto in questa classifica, è la prima tra le regioni del Mezzogiorno con 1.153 addetti e il 4,9% del totale.

Dal punto di vista delle performance finanziarie, analizzando i bilanci delle 562 imprese del comparto costituite nella forma di società di capitale e che hanno presentato il bilancio negli ultimi tre anni (il 38% del totale), nel 2017 il valore della produzione è stato di quasi 2 miliardi di euro, in crescita del 10,6% rispetto a quello realizzato dalle stesse imprese nel 2015: in media, ciò equivale ad un valore della produzione di circa 2,4 milioni di euro pro-capite per le aziende della cyber-security tricolore. Con il 42,5% del totale (835 milioni), è la Lombardia la regione leader per fatturato realizzato dalle imprese del comparto. Solo secondo il Lazio con 307 milioni, mentre la terza regione, molto distaccata, è l’Emilia –Romagna (233 milioni).

Tab.1 – Sicurezza* informatica

Distribuzione regionale delle imprese al 31 marzo 2019 e confronto con il 2017

Regione

31 marzo

2019

30 settembre

2017

Saldo

nel periodo

ABRUZZO

73

9

64

BASILICATA

36

9

27

CALABRIA

89

20

69

CAMPANIA

281

67

214

EMILIA-ROMAGNA

139

34

105

FRIULI-VENEZIA GIULIA

24

4

20

LAZIO

634

166

468

LIGURIA

42

9

33

LOMBARDIA

492

121

371

MARCHE

48

11

37

MOLISE

14

3

11

PIEMONTE

117

24

93

PUGLIA

196

39

157

SARDEGNA

77

19

58

SICILIA

212

60

152

TOSCANA

112

37

75

TRENTINO-ALTO ADIGE

20

5

15

UMBRIA

16

4

12

VALLED'AOSTA

7

2

5

VENETO

179

48

131

ITALIA

2.808

691

2.117

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

* Imprese che descrivono la propria attività utilizzando le espressioni “sicurezza informatica” e/o “cyber security”.

Tab. 2 - Sicurezza informatica

Distribuzione regionale delle imprese e degli addetti

Regione

Addetti

al 31.12.2018

Media addetti

per impresa 2018

Var. addetti

nel periodo

ABRUZZO

182

2

173

BASILICATA

160

4

157

CALABRIA

113

1

101

CAMPANIA

1.153

4

907

EMILIA-ROMAGNA

1.276

9

988

FRIULI-VENEZIA GIULIA

34

1

32

LAZIO

4173

7

3.240

LIGURIA

82

2

81

LOMBARDIA

6.686

14

5.668

MARCHE

596

12

366

MOLISE

92

7

91

PIEMONTE

463

4

293

PUGLIA

842

4

807

SARDEGNA

236

3

187

SICILIA

865

4

724

TOSCANA

447

4

208

TRENTINO-ALTO ADIGE

3.050

153

2.525

UMBRIA

69

4

64

VALLE D'AOSTA

13

2

10

VENETO

2.772

15

1.073

ITALIA

23.304

8

17.695

Fonte: elaborazioni InfoCamere su dati INPS

Tab. 3 - Sicurezza informatica

Valore della produzione relativo all’anno 2017 (562 società di capitale compresenti nel triennio)

Regione

Valore della produzione nel 2017

Valore medio per impresa nel 2017

 

Variaz. %

2017/2015

ABRUZZO

5.694.928

379.662

29,1%

BASILICATA

2.065.993

258.249

-15,1%

CALABRIA

3.579.023

155.610

41,6%

CAMPANIA

60.678.217

798.398

30,2%

EMILIA-ROMAGNA

233.475.262

4.764.801

-22,0%

FRIULI-VENEZIA GIULIA

1.828.646

261.235

7,8%

LAZIO

307.014.242

1.696.211

30,7%

LIGURIA

4.098.247

409.825

126,6%

LOMBARDIA

834.700.088

5.120.859

6,5%

MARCHE

78.829.410

4.926.838

55,1%

MOLISE

720.628

360.314

241,9%

PIEMONTE

49.263.422

1.231.586

-10,0%

PUGLIA

29.238.926

522.124

-9,9%

SARDEGNA

5.454.369

320.845

18,3%

SICILIA

33.674.187

801.766

20,2%

TOSCANA

29.329.913

771.840

17,6%

TRENTINO-ALTO ADIGE

46.772.492

5.196.944

22,2%

UMBRIA

5.093.815

1.018.763

475,3%

VALLE D'AOSTA

1.142.164

285.541

24,8%

VENETO

231.371.219

3.258.750

42,5%

ITALIA

1.964.025.191

2.360.607

10,6%

Fonte: elaborzioni InfoCamere su archivio bilanci Xbrl

Sicurezza informatica

Distribuzione delle imprese esistenti al 30 settembre 2017 e al 31 marzo 2019 per anno di iscrizione

 

 

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì