Sito dedicato alle Aziende Associate

Responsabilità sociale: per InfoCamere arriva il primo Bilancio di Sostenibilità

Roma, 19 luglio 2018 – Sviluppare un business sempre più sostenibile, rafforzare la consapevolezza verso i temi della responsabilità sociale all’interno dell’azienda, influenzare positivamente gli stakeholder esterni per collaborare nel rispetto di tutte le dimensioni dello sviluppo sostenibile: economico, sociale e ambientale.  Queste le motivazioni e gli obiettivi alla base del primo bilancio di sostenibilità redatto da InfoCamere – la società delle Camere di commercio per l’innovazione e i servizi digitali – presentato ieri al Consiglio di Amministrazione della società (il documento è disponibile in formato digitale all’indirizzo http://www.infocamere.it/dati-di-bilancio).

Per il Presidente di InfoCamere, Carlo Sangalli “Questo Bilancio di Sostenibilità segna l’inizio di una nuova e importante sfida per la nostra azienda: promuovere lo sviluppo sostenibile e favorire il successo di una cultura imprenditoriale attenta e coerente con i valori della società. Del resto, qualche tempo fa l’amministratore delegato di una delle più grandi aziende americane - parlando della sua politica di business - ha detto: “Vogliamo lasciare il mondo migliore di come l’abbiamo trovato”. E’ l’idea di una forte assunzione di responsabilità verso il territorio, verso la comunità di riferimento e le generazioni future, in linea con gli obiettivi di sostenibilità adottati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. E questo Bilancio è in linea con quei valori che abbiamo appreso dalle imprese e che ne costituiscono la forza: la voglia di innovare, la capacità di progettare e di guardare avanti.

Il Bilancio di Sostenibilità 2017 di InfoCamere si affianca al bilancio civilistico ed è stato redatto seguendo le linee guida del GRI Sustainability Reporting Standards, approccio core, il modello più autorevole e diffuso nel campo della rendicontazione non finanziaria.

Il documento approfondisce quattro temi specifici dell’attività aziendale:

  • Governance ed etica del business, con informazioni agli stakeholder su Anticorruzione, Corporate Governance, Risk Management, Compliance a leggi e regolamenti e Etica ed integrità del business.
  • Performance economica, attraverso una panoramica della situazione economico-finanziaria dell’azienda, delle pratiche e politiche di approvvigionamento, dell’impegno nelle attività di ricerca e sviluppo e degli impatti economici indiretti causati dall’attività dell’azienda.
  • Performance Ambientale, articolata in un’informativa riguardante le emissioni in atmosfera prodotte dall’azienda, i consumi energetici e la politica di gestione dei rifiuti.
  • Performance Sociale, con informazioni sull’impegno dell’azienda in tema diritti umani, crescita, formazione, sviluppo del personale, welfare e work-life balance, diversità e pari opportunità, non discriminazione, dialogo sociale e relazioni industriali, salute e sicurezza dei dipendenti, Privacy e Sicurezza dei dati, Business Continuity, Pubblicità e Marketing responsabile e rapporti con la collettività.

Ogni capitolo del Bilancio di Sostenibilità 2017 è collegato ad uno dei valori espressione della cultura aziendale di InfoCamere: Governo della complessità, Affidabilità, Senso del futuro, Competenza e Coesione. A questi si aggiunge un ulteriore capitolo dedicato al tema dell’ufficio “green” sul quale l’azienda è fortemente impegnata per realizzare spazi di lavoro più sostenibili.

Chi è InfoCamere

InfoCamere è la società consortile di informatica delle Camere di Commercio Italiane.

Fondata nel 1974 a Padova dal Professor Mario Volpato con il nome di Cerved (Centro Regionale Veneto Elaborazione Dati), fu creata con l’obiettivo pioneristico di rendere digitali tutti quei dati che da sempre venivano raccolti nei registri cartacei dalle Camere di Commercio, per far sì che tali dati ufficiali forniti dalle imprese venissero valorizzati e restituiti al mercato e alle imprese stesse come informazioni utili per accrescere la competitività e progettare lo sviluppo.      

Nel 1995 da Cerved si scinde InfoCamere, raccogliendo la sfida di implementare il primo registro delle imprese totalmente telematico in Europa. Da lì il processo di sviluppo e innovazione è in continuo divenire: infatti, InfoCamere negli anni ha proposto ai suoi utenti (il sistema camerale, le Pubbliche Amministrazioni, la comunità delle imprese, dei professionisti e dei cittadini) servizi e tecnologie digitali all’avanguardia, come ad esempio la tenuta delle banche dati camerali, la firma digitale, la posta elettronica certificata (PEC) o la Comunicazione Unica stimolando i processi di innovazione nella Pubblica Amministrazione e nelle imprese italiane e rendendo più smart il mondo del lavoro.

Nel 2013 InfoCamere riceve l’autorizzazione dalla Banca d’Italia per costituire al suo interno un istituto di pagamento che fa da ponte tra cittadini e pubblica amministrazione fornendo ai primi la possibilità di usufruire di servizi di pagamento elettronici e piattaforme tecnologiche semplici, sicure e omogenee in tutto il territorio nazionale come ad esempio il sistema Pago@Pa o ICONTO.

Oltre al Registro delle imprese, negli anni sono stati implementati una serie di servizi che aiutano le Camere di commercio a semplificare i processi tra imprese e Pubblica Amministrazione, garantendo a tutti l’accesso ad informazioni ufficiali, aggiornate e affidabili sull’economia e le imprese.

Al 31 dicembre 2017 InfoCamere presenta un patrimonio netto di 47,2 milioni di euro, è supportata da un team di 804 dipendenti ed è al servizio delle Camere, della Pubblica Amministrazione e di 6 milioni di imprese alle quali cerca di offrire prodotti sempre più innovativi e competitivi.

L’eco-sistema InfoCamere

 

 

 

 

 

 

Bilancio di sostenibilità: le tappe di un anno

 

 

Le competenze per innovare

 

 

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì