Sito dedicato alle Aziende Associate

BT investe in una tecnologia della Silicon Valley in grado di misurare e contrastare i cyber risk

  • L’investimento strategico in Safe Security, rientra nei piani di sviluppo di BT nella cyber security
  • La piattaforma della start-up effettua un ‘health check’ del rischio informatico per consentire alle organizzazioni di prevenire violazioni
  • I costi a livello globale dei crimini informatici hanno raggiunto il trilione di dollari l’anno; BT protegge le proprie attività e i propri clienti contro una media giornaliera di 6500 attacchi informatici
     

Con il numero e gli impatti degli attacchi informatici in deciso aumento, BT ha annunciato oggi un investimento multimilionario in Safe Security, azienda della Silicon Valley  leader nel settore della gestione dei rischi informatici,  che grazie alla sua piattaforma SAFE ("Security Assessment Framework for Enterprises") consente alle organizzazioni di eseguire un controllo circa lo stato delle difese in essere e di valutare la probabilità di subire un attacco informatico.

L'analisi del settore stima che il costo del crimine informatico globale abbia raggiunto nel 2020 una cifra superiore al trilione di dollari, poiché i criminali hanno sfruttato i cambiamenti epocali  nella vita quotidiana per prendere di mira sia gli individui sia le organizzazioni di tutte le dimensioni. A fronte degli ultimi significativi incidenti che hanno avuto un impatto su aree critiche come le infrastrutture energetiche e l'assistenza medica, le aziende e i governi sono sottoposti a enormi pressioni per valutare obiettivamente quanto siano protetti dalle più recenti varianti di cyber attack.

L'investimento permetterà a BT di abbinare la piattaforma SAFE con i suoi servizi di sicurezza gestiti così da fornire ai clienti una visione in tempo reale di quanto sono al sicuro rispetto a un panorama di minacce informatiche in continua evoluzione. SAFE è unica nel calcolare anche il costo finanziario dei rischi del cliente e nel dare un'idea delle misure che possono essere prese per affrontarli. La piattaforma, che protegge già diverse aziende Fortune 500 e governi di tutto il mondo, in sostanza, consente alle organizzazioni di mettere a fuoco con grande precisione le lacune nelle loro difese.

Philip Jansen, Chief Executive di BT, ha detto: “La cyber security è ora in cima all'agenda di aziende e governi, che devono potersi fidare di essere protetti di fronte al crescente livello degli attacchi. L'aggiunta di SAFE ai servizi di sicurezza predittiva e proattiva di BT offrirà ai clienti una vista decisamente migliore del livello di minaccia e consentirà loro di individuare rapidamente le specifiche azioni utili a rafforzare le loro difese. Questo investimento rappresenta un chiaro segnale dell'ambizione di BT di crescere ulteriormente, nonostante sia già uno dei principali fornitori mondiali, in un mercato della sicurezza altamente frammentato".

Saket Modi, Co-fondatore e CEO di Safe Security, ha dichiarato: “Siamo lieti di lavorare con un comprovato leader della sicurezza globale come BT. Il loro investimento e la partnership strategica con Safe Security sono una spinta ulteriore a far sì che i punteggi SAFE diventino lo standard del settore per misurare e mitigare i rischi informatici. Affiancando la dimensione globale e le competenze di BT alla capacità di SAFE di dare visibilità in tempo reale sul posizionamento del cyber risk, cambieremo radicalmente il modo in cui la cyber security viene misurata e gestita in tutto il mondo.”    

A fronte di questo investimento, a BT saranno concessi i diritti esclusivi per l'uso e la commercializzazione di SAFE ad aziende ed pubblica amministrazione nel Regno Unito, oltre alla possibilità di inserire la piattaforma all'interno del suo portafoglio globale. In virtù della sua esperienza nella fornitura di soluzioni di sicurezza alle organizzazioni di tutto il mondo, BT sarà indicato quale recommended global partner per migliorare il punteggio SAFE del cliente. BT lavorerà inoltre in collaborazione con Safe Security per sviluppare futuri prodotti.


BT

BT Group è il principale fornitore di telecomunicazioni e reti del Regno Unito, oltre ad essere uno dei principali fornitori di servizi e soluzioni di comunicazione a livello globale, servendo clienti in 180 paesi. Le principali attività nel Regno Unito includono servizi di voce fissa, mobile, banda larga e TV (compresa BT Sport) e una gamma di prodotti su reti fisse e mobili convergenti a clienti privati, aziendali e del settore pubblico. Ai suoi clienti globali, BT fornisce servizi gestiti, sicurezza e servizi di rete e infrastruttura IT a supporto delle loro operazioni in tutto il mondo. BT è organizzata in quattro divisioni customer-facing: Consumer, Enterprise, Global e la consociata interamente controllata, Openreach, che fornisce servizi di accesso di rete a oltre 650 communications provider che vendono servizi telefonici, a banda larga ed Ethernet al mondo consumer e alle aziende in tutto il Regno Unito. Nell'anno terminato il 31 marzo 2021, i ricavi dichiarati di BT Group sono stati pari a 21.331 milioni di sterline con un utile prima delle imposte di 1.804 milioni di sterline.

British Telecommunications plc è una società interamente controllata di BT Group plc e comprende praticamente tutte le attività e gli asset del Gruppo BT. BT Group plc è quotata alla Borsa di Londra.

Per maggiori informazioni, visita il sito www.bt.com/about

Safe Security

Con sede a Palo Alto, California, Safe Security è una società pioniera e leader nella "Cyber ​​security and Digital Business Risk Quantification" (CRQ). Supporta le organizzazioni a misurare e mitigare il rischio informatico in tempo reale utilizzando la sua piattaforma ML Enabled API-First Safe, aggregando segnali automatizzati tra persone, processi e tecnologia,  così da  prevedere dinamicamente la probabilità di violazione (Punteggio SAFE) e di dollar risk di un'organizzazione.

Il modello di punteggio SAFE è frutto di una ricerca congiunta presso il MIT che incorpora i dati dei sensori di sicurezza informatica, l'intelligence esterna sulle minacce e il contesto aziendale, collocandoli in un Bayesian Network di una Supervised Machine Learning  in grado di fornire punteggi e value dollar risk che l'organizzazione affronta. I punteggi sono calcolati sia a livello macro che micro e possono essere misurati anche per Linee di Business (LoB) / Crown Jewels / Dipartimenti.

I punteggi SAFE consentiranno all'organizzazione di avere un "linguaggio comune" tra i team, in modo da essere allineati su una metrica di rischio coerente, oltre a giustificare investimenti in cyber security e l'acquisto di assicurazioni informatiche per l'organizzazione.

Per maggiori informazioni visita:  https://www.safe.security/

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì