Sito dedicato alle Aziende Associate

Dell Software aiuta a superare i cinque principali ostacoli delle migrazioni Windows XP

Roma, 3 ottobre 2013 – Dell Software è in prima linea nell’aiutare i clienti a migrare con successo da Windows XP, offrendo tecnologie abilitanti e best practice per indirizzare in maniera efficiente ogni fase di pianificazione ed esecuzione della migrazione. Come conseguenza, i clienti Dell stanno accelerando le loro migrazioni Windows con strumenti allo stato dell’arte che automatizzano le attività di pre che post-implementazione, mantenendo bassi i costi e dimezzando il tempo e il lavoro necessario.

Secondo una recente ricerca promossa da Dell Software e condotta da Dimensional Research [FN], le aziende di ogni dimensione sono alle prese con una serie di preoccupazioni e problemi di migrazione. Una ricerca su quasi 500 professionisti IT con responsabilità su desktop e portatili aziendali in organizzazioni globali ha rivelato che il 47% non ha ancora completato la migrazione da Windows XP[1]. Se il tempo medio necessario per completare una migrazione del sistema operativo va dai 12 ai 24 mesi , è chiaro che molte migrazioni in atto non saranno completate prima di aprile 2014, termine ultimo del supporto di Microsoft per Windows XP.

Una volta terminato il supporto, le organizzazioni che ancora si avvalgono di Windows XP dovranno affrontare crescenti rischi di sicurezza e sovraccarichi di gestione. Secondo Gartner, il prezzo del supporto standard si basa su un fee annuale per dispositivo, con un valore medio di circa $200 e Gartner ha visto costi totali che vanno dai $600.000 ai $5 milioni per un supporto standard per il primo anno[2]. Anche un sistema Windows XP dotato di patch rappresenta un rischio più elevato rispetto a un ambiente Windows 7 o 8 aggiornato. Nonostante il crescente rischio e costo, le aziende hanno ritardato la migrazione, soprattutto a causa di difficoltà varie, come specificato dall’86% degli intervistati che hanno riportato problematiche di migrazione da Windows XP.

Secondo gli intervistati, i principali ostacoli sono

  • Compatibilità applicativa
  • Disponibilità di tempo per effettuare la migrazione/conflitti con altre iniziative IT
  • Formazione e supporto degli utenti
  • Riduzione della produttività
  • Problemi legati a ripacchettizzazione, rimedio e implementazione delle applicazioni

Dell Software si affida a un approccio graduale e alle 5 seguenti best practice:

1.       Creare e mantenere un inventario completo e aggiornato di hardware, applicazioni e utenti

Anche se una pianificazione accurata pare ovvia, molte aziende non dispongono di inventari aggiornati di hardware, periferiche e software, così come dei loro utenti. Una quantità smodata di tempo è spesso dedicata a gestire periferiche incompatibili o drive mancanti non identificati in fase di inventario. E’ spesso comune ignorare applicazioni installate ma non più utilizzate, o la quantità di dati validi che gli utenti archiviano su laptop e desktop

2.       Razionalizzare i contenuti di modo che la migrazione riguardi solo ciò che è necessario e che viene realmente utilizzato

Eliminare applicazioni obsolete può ridurre in modo significativo gli sforzi e i tempi di migrazione. Ogni applicazione in meno significa meno tempo da dedicare a test, ripristino e ripacchettizzazione.

3.       Test, ripristino e ripacchettizzazione delle applicazioni

La principale sfida per i partecipanti al sondaggio di Dimensional Research è stata la compatibilità applicativa, con un 41% che dichiara che le applicazioni esistenti non funzionano sul nuovo OS. Questa fase della migrazione è quella più onerosa in termini di tempo e più soggetta a errori. Automatizzare queste attività può aiutare le aziende a ridurre notevolmente i tempi e i costi di migrazione, diminuendo il rischio di fallimenti grazie all’identificazione immediata di potenziali problemi di compatibilità.

4.       Automatizzare la migrazione di contenuti

Nonostante la fase applicativa possa richiedere la maggior parte del tempo della migrazione, la migrazione dei sistemi end-user può essere dirompente e causare enormi perdite di produttività se non è automatizzata. La implementazioni dinamiche consentono alle imprese di andare al di là dell’automazione delle attività di migrazione manuali per effettuare l’implementazione e la configurazione da remoto di sistemi operativi, applicazioni, service pack, patch e virtualmente qualunque asset digitale.

5.       Semplificare la gestione del ciclo di vita del sistema

Il supporto del nuovo ambiente parte dalla migrazione del primo utente, quindi Dell Software suggerisce di adottare best practice per la gestione dell’intero ciclo di vita del sistema con tool automatizzati. In particolare, la capacità di tenere traccia, aggiornare, garantire la sicurezza e gestire i sistemi in modo semplice e immediato garantisce che il nuovo ambiente continui a fornire valore, dando all’IT la flessibilità di ottimizzare gli investimenti hardware, software e OS.

6.       Rimuovere gli ostacoli alla migrazione con Dell KACE e Dell ChangeBASE

Dell Software offre soluzioni a valore aggiunto per eliminare gli ostacoli. Dell ChangeBASE indirizza l’automazione di test di compatibilità, ripristino e packaging delle applicazioni. Si tratta di un elemento complementare a Dell KACE K1000 Management Appliance e a Dell KACE K2000 Deployment Appliance che automatizzano e consolidano le attività di system management per la sicurezza, la gestione e la manutenzione di client, server ed endpoint di aziende di tutte le dimensioni.

“Le migrazioni sono tra le attività IT più impegnative e dirompenti, ed è per questo motivo che le imprese hanno ritardato il passaggio da Windows XP”, afferma David Kloba, general manager Endpoint Systems Management in Dell Software. “Il nostro approccio a tappe basato su best practice facilita le transizioni, gli aggiornamenti e la sostituzione di OS, applicazioni e sistemi offrendo linee guida per una corretta pianificazione, insieme agli strumenti per automatizzare e consolidare i processi e ai consigli per evitare problemi e ridurre il downtime”.



[1] Migrating away from Windows XP: A Survey of IT Professionals, settembre 2013

[2] Gartner, Customer Support Will be Available for Windows XP at a Price, Michael A. Silver, Stephen Kleynhans, gennaio 2013

 

Dell

Dell ascolta clienti e partner, offrendo loro tecnologie e servizi innovativi, affidabili e di valore. Con i suoi differenti approcci al mercato, Dell è fornitore di riferimento per sistemi e servizi.

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì