Sito dedicato alle Aziende Associate

Il consiglio di amministrazione approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2015

  • ricavi: 144,8 milioni di euro rispetto ai 147,2 milioni del 2014
  • ebitda: 15,3 milioni di euro in crescita del 5,9% rispetto ai 14,5 milioni del 2014 (10,6% sui ricavi)
  • ebit: 10 milioni di euro in crescita del 1,3% rispetto ai 9,9 milioni del 2014 (6,9% sui ricavi)
  • utile netto: 4,6 milioni di euro in crescita del 51,4% rispetto al 2014 (3 milioni)
  • posizione finanziaria netta a euro -36,3 milioni, da -29,7 del 2014
  • proposto un dividendo pari a euro 0,0213 per azione

11 marzo 2016. Il Consiglio di Amministrazione di Exprivia S.p.A. ha approvato in data odierna il progetto di bilancio al 31 dicembre 2015, redatto secondo i principi contabili internazionali (IAS/IFRS).

Nel 2015 il Gruppo registra un rallentamento della crescita (-1,7%) a causa della frenata delle attività sui mercati esteri e del ritardo nell’avvio di una importante commessa nel mercato dei servizi BPO.

Ciononostante, il Gruppo chiude l’esercizio 2015 con una marginalità che registra, in valore assoluto EBITDA pari a 15,3 ml. Tale marginalità produce un risultato ante imposte che beneficia anche della sensibile diminuzione degli oneri finanziari, seppure condizionato da svalutazioni dell’attivo non ricorrenti per circa un milione di euro. L’utile del Gruppo , pari a euro 4,6 ml, è in crescita importante sull’anno precedente (+51,4%).

La posizione finanziaria netta risulta pari a -36,3 milioni ed è cresciuta di 6,6 milioni rispetto al 2014 a causa dell’assorbimento di circolante nelle aree in cui c’è stata crescita del volume d’affari e di un rallentamento degli incassi, concentrato prevalentemente nell’ultimo trimestre dell’anno nel mercato pubblico.

Nel corso del 2015 è stato lanciato ‘Exprivia People Care’, un innovativo programma di welfare aziendale con l’obiettivo di accrescere il benessere dei dipendenti del Gruppo, con una dotazione finanziaria pari a 1,5 milioni.

“Il 2015 è risultato un anno ancora complesso”, afferma Domenico Favuzzi, presidente e a.d. del Gruppo, “caratterizzato da una performance negativa nei paesi esteri in cui il Gruppo è presente e da un recupero sul mercato nazionale nonostante alcuni ritardi nell’avvio di importanti attività. Ciononostante il Gruppo ha continuato ad investire in innovazione coinvolgendo i propri clienti più importanti, migliorando la sua redditività e facendo registrare il margine operativo lordo più alto della sua storia, che ha consentito di avviare un importante programma di fidelizzazione verso tutti i nostri collaboratori.”

Risultati Consolidati al 31 dicembre 2015

Nel 2015 i ricavi consolidati sono stati pari a 144,8 milioni di Euro rispetto al 2014 pari a 147,2 milioni.

I ricavi netti consolidati sono stati pari a 139,4 milioni di Euro rispetto a 141,6 milioni del 2014.

L’EBITDA consolidato è stato pari a 15,3 milioni di Euro, il 10,6% dei ricavi, in crescita del 5,9% rispetto allo scorso anno (14,5 milioni nel 2014).

L’EBIT consolidato è stato pari a 10 milioni di Euro, anch’esso in crescita dell’1,3% rispetto ai 9,9 milioni del 2014.

Il risultato ante imposte si attesta ad un valore di 7,7 milioni di Euro, 5,3% dei ricavi, in netto miglioramento rispetto allo stesso periodo del 2014 con una crescita del 10% (7 milioni nel 2014).

Infine, l’utile dell’anno ammonta a 4,6 milioni di Euro in crescita del 51,4% rispetto ai 3 milioni del 2014.

La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2015 è negativa per 36,3 milioni di Euro rispetto ai  -31,2 milioni al 30 settembre 2015 e -29,7 milioni del 31 dicembre 2014.

Il Patrimonio Netto del Gruppo al 31 dicembre 2015 è pari a 73,4 milioni di Euro rispetto ai 71,8 milioni al 31 dicembre 2014.

Andamento dei ricavi per Aree di Business

Di seguito il dettaglio dei ricavi relativi al 31 dicembre 2015, comparati con i dati dello stesso periodo dell’esercizio precedente, ripartiti per area di business.

Banche, Finanza e Assicurazioni

La Business Unit Banche, Finanza e Assicurazioni chiude il 2015 con ricavi per 25,6 milioni di Euro rispetto ai 27,4 milioni di Euro del 2014 con una modesta contrazione attribuibile ad un contenimento della componente di ricavi per la rivendita di hardware e software di terzi. Questo risultato è stato ottenuto in un quadro di spesa IT di settore in crescita nel primo semestre e stabile nel secondo semestre a causa dell’immobilismo di tutto il settore delle popolari e del credito cooperativo, derivante dal riassetto di questi comparti, e dall’incertezza legata al salvataggio degli istituti di credito in difficoltà con la creazione della Bad Bank. Le priorità di investimento degli istituti bancari si sono focalizzate principalmente sulle soluzioni volte a rendere efficienti i processi core, oltre che quelli retail attraverso il paradigma dell’omincanalità, i Big Data Analytics e la Cyber Security. In questo scenario la Business Unit è riuscita a consolidare e ampliare la propria base clienti sia evolvendo la propria offerta verticale in ambito Finanza, Crediti e Factoring, che proponendo soluzioni innovative in ambito Customer Engagment e IT Security.

Industria

I risultati del 2015 della Business Unit  Industria segnano una inversione di tendenza rispetto a quanto registrato negli ultimi anni, con ricavi in crescita rispetto al 2014 che passano da 11,4 milioni di Euro a 11,7 milioni di Euro del 2015. Il settore industria vede timidi segnali di ripresa: in particolare i comparti che hanno mercati di sbocco internazionali hanno ripreso gli investimenti in progetti IT, consapevoli che l’innovazione diventa un vantaggio competitivo verso la concorrenza. Al parco clienti sono stati erogati servizi progettuali, servizi di application management e in cloud, in ambiti di offerta maturi come quelli afferenti ai processi ERP, HCM, estended ERP piuttosto che su temi ad alto contenuto innovativo, come soluzioni di CRM applicate a processi di after sales.

Buoni risultati si sono ottenuti nell’ambito di roll out internazionali per clienti con casa madre in Italia, sia in paesi europei che nel far east.

Oil & Gas

La Business Unit Oil & Gas chiude il 2015 con ricavi pari a 15,7 milioni di Euro rispetto ai 14,8 milioni del 2014 con una crescita del 7%. In termini di market share,  Exprivia consolida ulteriormente la sua posizione nel settore Oil & Gas ampliando la propria offerta e, facendo leva sulla sua capacità di coniugare efficienza operativa e qualità del delivery, confermandosi un partner strategico per i suoi clienti che stanno operando con l’incertezza dei mercati commodities. In particolare, cresce la quota dei ricavi relativi a progetti innovativi per l’ottimizzazione della Customer Experience (sistemi di Engagement della clientela Retail Gas&Luce e Carburanti) e più in generale per l’efficientamento delle operation. La crescita dei ricavi beneficia anche dello sviluppo delle attività per le consociate estere di grandi multinazionali italiane. Exprivia si conferma infine tra i primi operatori ICT per le soluzioni per la sicurezza ed il welfare delle risorse umane.

Telco & Media

Nel corso del 2015 Exprivia ha registrato una significativa crescita dei ricavi, passando da 11,9 milioni di Euro del 2014 ai 19,3 milioni di Euro del 2015 (+62%) nel settore Telco, con anche un importante miglioramento della marginalità. In controtendenza con la contrazione registrata in Italia nel macro settore delle Telecomunicazioni, la crescita di Exprivia è stata registrata presso tutti i clienti, grazie ad una efficace capacità di innovazione ed alla qualità dei servizi erogati. Nel corso del 2015, infatti, Exprivia ha consolidato la sua offerta sia su soluzioni e servizi di ingegneria di rete che sulle soluzioni software carrier grade. I risultati dei primi mesi del 2016 confermano questo trend di crescita, in linea con le previsioni ipotizzate per l’area Telco & Media nel  piano industriale del Gruppo.

Sanita’ e Salute

La Business Unit Sanità e Salute ha registrato nell’anno ricavi pari a 22 milioni di Euro, in calo del 10% rispetto al 2014  a seguito sia della internalizzazione del personale di sportello CUP iniziato nel dicembre 2014 in Regione Puglia, con conseguente riflesso sull’intero esercizio 2015, sia del ritardo nella contrattualizzazione di una importante gara vinta nella Regione Marche. In una situazione di mercato che permane non favorevole, è stato comunque possibile mitigare tali effetti sui ricavi grazie sia ad una intensiva attività di upselling sul parco clienti e nel settore della sanità privata, sia all’avanzamento di progetti di portata regionale nelle Marche, Calabria e Campania, contrattualizzati in esercizi precedenti.

Energia e Utilities

La Business Unit Energia e Utilities ha registrato nel 2015 ricavi per 21,9 milioni di Euro con una flessione rispetto a quello del 2014 (28,2 milioni di Euro), in linea con l’andamento del settore. La strategia commerciale dell’area si è focalizzata primariamente sul consolidamento e sviluppo delle attività e dei progetti presso i primari clienti già acquisiti, oltre che al consolidamento delle partnership tecnologiche con primari operatori del settore.  L’attività BPO (Business Process Outsourcing) ha registrato un andamento molto positivo del primo semestre 2015 a cui è seguita una contrazione del secondo semestre per la chiusura di una commessa importante nel mese di novembre.  Nel primo trimestre 2016 Exprivia si è aggiudicata due importanti commesse, sempre in ambito energia, di un valore contrattuale di circa 60 milioni di Euro e per una durata di tre anni. I ritorni economici delle nuove commesse saranno visibili a partire dal primo semestre 2016, sia in termini di crescita dei ricavi che di incremento occupazionale.

Difesa, Aerospace e PA

DIFESA E  AEROSPAZIO

Dopo tre anni di flessione la linea di business Difesa e Aerospazio torna a crescere (+4%) rispetto al precedente esercizio, chiudendo il 2015 con ricavi pari a 3,2 milioni di euro. Malgrado il settore sia ancora caratterizzato da profonde riorganizzazioni industriali e da forte attenzione alla riduzione della spesa, l’avvio di importanti programmi nazionali ed europei, sia in ambito civile che militare, faciliterà una normalizzazione del mercato e una successiva ripresa, aprendo spazi di crescita per aziende come Exprivia, che operano in contesti ad elevato contenuto tecnologico.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

La Business Line Pubblica Amministrazione ha registrato nell’anno 2015 ricavi per circa 8 milioni di euro, con un incremento del 24% rispetto all’anno precedente. Il netto miglioramento è da attribuire sia all’entrata a regime di alcuni contratti con importanti Enti della Pubblica Amministrazione Centrale  aggiudicati nel 2014, sia all’acquisizione di un nuovo contratto in un Ente della Pubblica Amministrazione del Nord Italia, nel terzo trimestre del 2015, avendo ad oggetto l’implementazione di un nuovo sistema ERP su piattaforma SAP. Tutto ciò in un contesto dove ancora sono appena evidenti i primi segnali di ripresa degli investimenti in ICT, necessari al fine di implementare la strategia di Digital Transformation ampiamente definita dal Governo. Nell’ambito della Pubblica Amministrazione Locale, nel corso del 2015 vi è stata una leggera contrazione dei ricavi, dovuti in parte a conclusione di alcune attività ed in parte al rallentamento negli investimenti ICT del mercato a causa anche alla riorganizzazione della governance del settore ICT in ambito territoriale.

Area Internazionale

L’attività di sviluppo internazionale si è concentrata nel consolidamento della propria presenza nei mercati in cui sono operative le società del Gruppo Exprivia. In Spagna, dove il Gruppo Exprivia è presente con due società controllate, Profesionales de Sistemas Aplicaciones y Productos SL (ProSap) ed Exprivia SL., si è confermata l’offerta di applicazioni ERP e servizi SAP per l’industria e la distribuzione, di soluzioni di Business Intelligence per il settore Sanità, e servizi web (marketing e vendite online) per Banche e grandi catene di distribuzione.  In Messico, dove il Gruppo Exprivia opera direttamente con Prosap Mexico, sono proseguite le azioni commerciali e di delivery nei confronti di grosse società private e pubbliche operanti nel settore delle costruzioni di infrastrutture nei paesi dell’America Latina. Prosap Mexico è Gold Partner di SAP. La società Spagnola Exprivia SL ha aperto una succursale in Ecuador allo scopo di creare una unità operativa in loco in grado di partecipare in RTI ad alcune importanti gara pubbliche e private nel settore della Sanità. In Brasile, è proseguita la crescita del business di Exprivia do Brasil Serviços de Informatica Ltda nel settore IT Security e nello sviluppo di progetti ERP SAP, anche se la crescita economica del paese è risultata molto al di sotto delle aspettative originali con un PIL 2015 che è diminuito del 3,8 % rispetto all’anno precedente e un rapporto di cambio della moneta locale, il Real, si è svalutato in modo significativo verso l’Euro e il Dollaro USA.  In China, dove “Exprivia IT Solutions (Shanghai) Co. Ltd”, il cui socio unico è la “Exprivia Asia Ltda” in Hong Kong, dopo pochi mesi dalla sua costituzione avvenuta nel settembre 2014, ha sviluppato il proprio business nell’erogazione di servizi professionali nell’area delle Infrastrutture IT e in ambiente SAP. Il parco clienti è al momento costituito dalle aziende e istituzioni Italiane operanti in Cina e dalle industrie manifatturiere europee.

Risultati della Capogruppo

Si segnala che i dati della Capogruppo Exprivia SpA al 31 dicembre 2015 non includono il ramo Sanità, conferito alla controllata Exprivia Healthcare IT Srl il 27 maggio 2014, e il ramo Banche conferito alla controllata Exprivia Digital Financial Solution Srl il 30 giugno 2014; tali conferimenti hanno determinato lo spostamento di quote positive di ricavi e marginalità a favore delle controllate.

I ricavi sono pari a 67,1 milioni di Euro in contrazione del 21,8% rispetto al 2014 (85,8 milioni).

I ricavi netti sono pari a 63,1 milioni di Euro in flessione del 22,6% comparati con i dati del 2014, quando erano 81,5 milioni.

L’EBITDA è pari a 6,4 milioni di Euro (6 milioni nel 2014).

L’EBIT è pari a 4,1 milioni di Euro (4 milioni nel 2014).

L’utile netto si attesta a 4,4 milioni di Euro rispetto a 3 milioni nel 2014.

La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2015 è negativa per 26,3 milioni di Euro, rispetto ai -23,8 milioni al 30 settembre 2015 e ai –18 milioni del 31 dicembre 2014.

Infine, il Patrimonio Netto al 31 dicembre 2015 è pari a 72,5 milioni di Euro rispetto ai 70,4 milioni del 31 dicembre 2014.

A seguito dei risultati conseguiti nel 2015 il Consiglio di Amministrazione ha deciso di proporre alla prossima Assemblea degli Azionisti la distribuzione di un dividendo di Euro 0,0213  lordi per azione ordinaria, con stacco della cedola n. 10 il 25 aprile 2016, record date il 26 aprile 2016 e payment date il 27 aprile 2016.

Il CDA odierno ha, altresì, esaminato ed approvato la Relazione degli Amministratori sul Governo Societario e sugli Assetti Proprietari e la Relazione sulla Remunerazione in conformità al Codice di Autodisciplina delle Società Quotate promosso da Borsa Italiana, ed ha approvato la proposta di richiedere all’Assemblea degli Azionisti di rilasciare una nuova autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie ai sensi degli articoli 2357 e 2357-ter del Codice Civile.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, dott. Gianni Sebastiano, dichiara ai sensi del comma 5 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Si informa infine che Exprivia parteciperà alla Star Conference, organizzata a Milano da Borsa Italiana, il 16 marzo 2016 e incontrerà gli investitori con riunioni one to one in cui verranno approfonditi più in dettaglio i risultati 2015 e il piano industriale 2015-2020 presentato a Novembre 2015.

 

CONTATTI
Exprivia SpA
Responsabile Comunicazione e Investor Relations
Dott.ssa Alessia Vanzini
e-mail: alessia.vanzini@exprivia.it
Tel. +39 0228014.1
Fax. +39 022610853

 

 

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì