Sito dedicato alle Aziende Associate

Indra realizza lo “sportello unico marittimo” per i porti spagnoli per un valore di 1,4 m€

  • Dal 1 giugno, l’UE richiede agli Stati membri di introdurre sistemi per compilare, inviare, condividere e ricevere elettronicamente tutti i dati relativi agli scali delle navi
  • La piattaforma DUEPort ora consente alle 28 Autorità Portuali spagnole di scambiare informazioni per via telematica con l’ente spagnolo “Organismo Público Puertos del Estado” e, tramite questo, con gli altri enti coinvolti
  • Con questo contratto, Indra rafforza la sua posizione nell’ambito dei sistemi portuali, settore in cui ha delle referenze in Paesi come Brasile, Cile, Marocco, Portogallo, Polonia e Angola

Roma, 10 giugno 2015.- Indra ha progettato e installato per l’ente “Organismo Público Puertos del Estado” (OPPE) lo “sportello unico marittimo” spagnolo, una piattaforma che consente ai diversi attori e autorità della comunità portuale di interagire elettronicamente e dichiarare un’unica volta tutte le informazioni  richieste nello scalo di una nave presso un porto spagnolo. Il contratto, che ammonta complessivamente a 1,4 M€, comprende tutti i servizi di supporto all’utilizzo della piattaforma per un periodo iniziale di 15 mesi.

La soluzione DUEPort consente di snellire la gestione degli scali, anticipare la circolazione delle merci e il traffico dei passeggeri migliorando la competitività della rete logistica portuale spagnola. Questa soluzione risponde alla normativa europea che impone a tutti gli Stati membri di dotarsi dal 1 giugno di un sistema in grado di effettuare le attività di gestione portuale per via telematica.

La piattaforma è entrata in funzione nel mese di maggio e permette già lo scambio di informazioni  tra l’OPPE, i 46 porti spagnoli di interesse generale e i porti regionali, così come oltre un migliaio di operatori coinvolti nelle operazioni, dalle 28 autorità portuali alle capitanerie di porto, i destinatari delle navi, le dogane, le autorità sanitarie e di controllo delle frontiere, ecc. Il sistema gestisce una media di 400 scali al giorno.

Lo “sportello unico” offre la possibilità a questi soggetti della comunità portuale di compilare un'unica volta e di inviare elettronicamente alle autorità tutti i dati sulle navi, documenti e moduli richiesti sugli scali, attracchi e operazioni. L’informazione arriva all’autorità portuale OPPE dove il sistema DUEPort automatizza i flussi di lavoro e li associa agli enti interessati (Dogane, Polizia, Esercito Spagnolo, Sanità Estera, Marina Mercantile, ecc.) al fine di completare i requisiti operativi e legali. I flussi arrivano anche all’Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima (EMSA), attraverso il sistema europeo SafeSeaNet (SSN), coinvolgendo anche SASEMAR. Inoltre, a differenza di altre soluzioni, l’uso applicativo del sistema DUEPort non comporta nessun costo né per gli operatori privati né per le Autorità Portuali.

DUEPort  fornisce senza costi aggiuntivi, alle Autorità Portuali che lo desiderino, il servizio di “Sportello Unico Marittimo” locale per gli agenti privati appartenenti alla Comunità Portuale.

Grazie alla nuova piattaforma e al miglioramento funzionale che essa comporta, si può ridurre significativamente il tempo di attracco delle navi e il tempo di sosta delle merci sul terminal. Questo presuppone un notevole risparmio dei costi, aumentando la capacità dei porti e la loro competitività per il commercio internazionale. Il concetto di porto “paperless”, in cui tutte le informazioni sono condivise elettronicamente permette anche il controllo delle merci e contribuisce alla lotta contro l’evasione fiscale e la frode.

Tecnologia Smart per il settore portuale e marittimo

Questo progetto consolida Indra come provider tecnologico di riferimento per i porti spagnoli, sommandosi agli altri contratti di installazione dello sportello unico o del “Port Community System” in Paesi come Cile, Portogallo, Marocco, Angola e Capo Verde.

Indra ha installato i propri sistemi di gestione del traffico marittimo (VTMIS) nei porti del Regno Unito, Marocco, Polonia o Senegal. In Polonia, il sistema di Indra gestisce tutto il traffico delle acque polacche sul mar Baltico e la foce del fiume Oder, che comprende i 12 maggiori porti del Paese. In Brasile, la multinazionale sta installando i primi due sistemi di VTMIS del paese per i porti di Santos e Vitoria, all’interno del piano Nazionale.

Indra sta procedendo all’espansione e alla modernizzazione della piattaforma tecnologica globale del porto di Valparaiso in Cile (PCS SILOGPORT), essendo anche uno dei principali provider tecnologici del progetto di ampliamento del Canale di Panama.

Nell’ambito dei sistemi di sorveglianza marittima, la società guida il progetto europeo di R&S Perseus, volto a garantire la sicurezza in tutta la costa mediterranea. In alcuni paesi come la Spagna, il Portogallo, la Lettonia, la Romania e Hong Kong si avvalgono dell’utilizzo dei sistemi di Indra per il controllo dei movimenti navali nelle loro acque.

 

Indra

Indra è una delle principali società di consulenza e tecnologia a livello mondiale per le operazioni di business dei propri clienti di tutto il mondo. Sviluppa un’offerta tecnologica completa di soluzioni proprietarie e di servizi all’avanguardia ad alto valore aggiunto. A questa offerta si aggiunge una cultura unica di affidabilità, flessibilità e adattabilità alle esigenze dei propri clienti. Indra è leader mondiale nello sviluppo di soluzioni tecnologiche nei settori: Sicurezza e Difesa, Trasporto e Traffico, Energia e Industria, Telecomunicazioni e Media, Finanza, Pubblica Amministrazione e Sanità. Attraverso la sua business unit Minsait risponde alle sfide della trasformazione digitale. Nel 2016, Indra ha avuto ricavi per un valore di 2.709 milioni di euro, 34.000 professionisti, con una presenza locale in 46 Paesi e operazioni commerciali in più di 140 Paesi. Dopo l’acquisto di Tecnocom, Indra ha avuto nel 2016 ricavi congiunti pari a oltre 3.200 milioni di euro e un team di circa 40.000 professionisti.

In Italia Indra ha circa 700 professionisti che lavorano presso le sedi di Roma, Milano, Napoli e Matera. La società ha sviluppato competenze avanzate in ambiti innovativi come Content & Process Technologies, Customer Experience Technologies, Solutions Architects e Data & Analytics, che consentono di offrire una solida offerta di soluzioni e servizi ad alto valore aggiunto nei mercati in cui opera. Indra ha localizzato in Italia il proprio centro di sviluppo globale di soluzioni Customer Experience, completando il posizionamento attraverso il Centro di Produzione di software di Napoli, che interagisce con altri 23 centri che operano in Europa, Asia e America Latina come poli avanzati di R&S. Nel 2016, la società ha presentato in Italia Minsait, la business unit che risponde alle sfide che la trasformazione digitale pone alle aziende e alle istituzioni italiane.

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì