Sito dedicato alle Aziende Associate

L’agenzia spaziale europea affida a Indra il data storage del satellite Sentinel-2B

  • L’ESA estende al satellite Sentinel-2B il contratto aggiudicato a Indra nel 2013 per l’archivio dei dati del Sentinel-2A
  • Indra ha cominciato a ricevere ed archiviare le prime immagini dopo il lancio, nel mese di giugno, del primo di questi due satelliti di osservazione della Terra
  • Nel 2016, quando entrambi satelliti saranno in funzione, il Data Processing and Archiving Center, nella sede di Indra a Madrid, gestirà un petabyte di informazione all’anno.

Roma, 13 ottobre 2015- Indra archivierà nel suo data center di Madrid le immagini provenienti dal satellite ottico di osservazione della Terra Sentinel-2B, che sarà in orbita nel 2016.

Nel 2013, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha aggiudicato a Indra un contratto per l’installazione nel suo Processing and Archiving Center (PAC) del segmento terrestre della missione Sentinel-2A. L’ESA ha deciso di estendere questo contratto fino al 2020 e di aggiunge la gestione dei dati del satellite gemello Sentinel-2B.

Dopo il lancio del Sentinel-2A lo scorso mese di giugno, il PAC è entrato in funzione e ha cominciato ricevere le prime immagini. Il Centro è all’interno del Data Center (CPD) di Indra a San Fernando de Henares (Madrid). Con 5.000 metri quadrati, il Centro è conforme ai livelli di sicurezza più stringenti e offre un livello continuo di servizio superiore al 99,98% che equivale alle caratteristiche specificate per le installazioni TIER III. È prevista la gestione di circa 1 petabyte di dati all’anno quando Sentinel-2B sarà in funzione.

L’estensione di questo contratto è un riconoscimento al lavoro svolto da Indra nell’installazione del Centro nei tempi concordati e in conformità con le specifiche e i requisiti stabiliti dall’ESA. La società ha partecipato alla fase di verifica in seguito al lancio del primo satellite e ha riferito al team di operazioni dell’ESA che lo storage dei dati e tutti i servizi di infrastruttura, reti e comunicazioni funzionano correttamente.

Il lavoro svolto da Indra nella gestione del PAC di Sentinel-2 consente di proteggere a lungo termine i dati prodotti dal satellite, offrendo agli utenti l’accesso a serie di lungo termine delle misurazioni ottiche sull’intero ciclo di vita della missione.

Questa informazione sarà particolarmente utile per l’agricoltura e la gestione ambientale, con applicazioni quali: il monitoraggio delle coltivazioni, la previsione dei periodi di siccità, il monitoraggio delle inondazioni e della deforestazione. Inoltre, sarà utile alla sorveglianza delle eruzioni vulcaniche, la pianificazione urbana e la prevenzione delle catastrofi, tra le altre applicazioni.

 

I satelliti Sentinel-2 hanno lo scopo di acquisire in modo sistematico immagini ottiche della superficie della Terra con una risoluzione di 10 metri. Quando i due satelliti saranno operativi, la missione Sentinel-2 potrà fornire una copertura completa della superficie terrestre ogni 5 giorni (10 giorni con un solo satellite in funzione).

 

Lo strumento multispettrale installato a bordo del satellite ha la capacità di raccogliere misurazioni delle radiazioni dallo strato superiore dell’atmosfera in 13 bande spettrali, incluso visibile, vicino infrarosso fino al lontano infrarosso più vicino alle microonde. 

 

Sentinel-2 fa parte del programmma Copernicus guidato dalla Commissione europea in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea. L’obiettivo del programma è quello di supportare la gestione eficiente dell’ambiente e di rispondere alle sfide del cambiamento climatico globale.


Indra

Indra, presieduta da Fernando Abril-Martorell, è una delle principali multinazionali di consulenza e tecnologia dell’America Latina ed Europa. La società offre soluzioni di business, servizi di Tecnologia dell’Informazione e sistemi integrati per i clienti nel mondo. Indra ha un modello di business differenziale basato sulle proprie soluzioni (circa il 65% del totale del fatturato 2014) con clienti leader in numerosi paesi.  Nell’esercizio 2014 ha avuto ricavi per un valore di 2.938 milioni di euro, 39.000 professionisti, con una presenza locale in 46 paesi e progetti in 149 paesi.

In Italia Indra ha sedi a Roma, Milano, Napoli, Bologna e Matera e offre soluzioni e servizi di alto valore nei settori Finance; Energia e Utilities; Telecomunicazioni; Pubblica Amministrazione e Sanità; Industria e Media; Trasporto e Traffico; Sicurezza e Difesa. La Società ha un Software Lab a Napoli connesso ad altri 22 Software Lab che operano in Europa, Asia e America Latina come avanzati laboratori di R&S.

 

Indra

Indra è una delle principali società di consulenza e tecnologia a livello mondiale per le operazioni di business dei propri clienti di tutto il mondo. Sviluppa un’offerta tecnologica completa di soluzioni proprietarie e di servizi all’avanguardia ad alto valore aggiunto. A questa offerta si aggiunge una cultura unica di affidabilità, flessibilità e adattabilità alle esigenze dei propri clienti. Indra è leader mondiale nello sviluppo di soluzioni tecnologiche nei settori: Sicurezza e Difesa, Trasporto e Traffico, Energia e Industria, Telecomunicazioni e Media, Finanza, Pubblica Amministrazione e Sanità. Attraverso la sua business unit Minsait risponde alle sfide della trasformazione digitale. Nel 2016, Indra ha avuto ricavi per un valore di 2.709 milioni di euro, 34.000 professionisti, con una presenza locale in 46 Paesi e operazioni commerciali in più di 140 Paesi. Dopo l’acquisto di Tecnocom, Indra ha avuto nel 2016 ricavi congiunti pari a oltre 3.200 milioni di euro e un team di circa 40.000 professionisti.

In Italia Indra ha circa 700 professionisti che lavorano presso le sedi di Roma, Milano, Napoli e Matera. La società ha sviluppato competenze avanzate in ambiti innovativi come Content & Process Technologies, Customer Experience Technologies, Solutions Architects e Data & Analytics, che consentono di offrire una solida offerta di soluzioni e servizi ad alto valore aggiunto nei mercati in cui opera. Indra ha localizzato in Italia il proprio centro di sviluppo globale di soluzioni Customer Experience, completando il posizionamento attraverso il Centro di Produzione di software di Napoli, che interagisce con altri 23 centri che operano in Europa, Asia e America Latina come poli avanzati di R&S. Nel 2016, la società ha presentato in Italia Minsait, la business unit che risponde alle sfide che la trasformazione digitale pone alle aziende e alle istituzioni italiane.

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì