Sito dedicato alle Aziende Associate

Schneider Electric Data Center Operation: Cooling Optimize aggiunge intelligenza e controllo, riducendo la spesa energetica degli apparati di raffreddamento in uso

Un nuovo modulo che va ad aggiornare StruxureWare™ for Data Centers ottimizza l’utilizzo dell’energia necessaria per raffreddare il data center e diminuisce il pericolo di rischi termici.

Milano, 16 giugno 2015 – Schneider Electric, lo specialista globale nella gestione dell’energia, ha annunciato oggi la disponibilità di Data Center Operation: Cooling Optimize, un modulo software aggiuntivo disponibile per la suite di Data Center Infrastructure Management (DCIM), StruxureWare for Data Centers. Questa nuova funzionalità aggiunge intelligenza ai sistemi di raffreddamento in uso all’interno dei Data center, consentendo significative riduzioni nei costi energetici e operativi, oltre a minimizzare gli incidenti di raffreddamento.

"La maggior parte dei sistemi di raffreddamento dei Data Center sono studiati in modo da assicurare che i rack più caldi nella struttura abbiano una sufficiente distribuzione di aria fredda. Ciò si traduce in un grande spreco di energia, dal momento che l'intera struttura viene raffreddata più del necessario proprio a perché si tende ad affidarsi a tecniche di progettazione tradizionali,” ha dichiarato Soeren Brogaard Jensen, Vice President, Enterprise Software and Managed Services, Schneider Electric. "Per gli amministratori di questi Data Center, è impossibile stabilire come ridurre la quantità di raffreddamento senza rischiare arresti termici perché non sanno come farlo in modo sicuro".

Data Center Operation: Cooling Optimize consente ai responsabili di Data Center di comprendere la complessità del flusso dell'aria all'interno delle loro strutture, incluse tutte le fonti di calore, e i modi in cui il raffreddamento influisce su di esse. Si tratta di un sistema a circuito chiuso, il che significa che è in grado di imparare da qualsiasi azione venga posta in essere, come ad esempio le regolazioni di temperatura in ingresso, o l’aggiunta di apparecchiature, o le variazioni del carico IT, per mantenere il raffreddamento del data center costantemente ottimizzato.

Una volta implementato, Cooling Optimize consente agli operatori di monitorare in tempo reale lo stato di salute dei data center e di determinare l'impatto di qualsiasi evento di raffreddamento. Ciò permette anche di prevedere ed evitare surriscaldamento, concentrazioni di calore e problemi di capacità. Grazie a un’analisi continuativa durante l’utilizzo, possono essere programmate le future esigenze di capacità, ed eliminate le difficoltà relative alla necessità di raffreddamento. Data Center Operation: Cooling Optimize automatizza la risposta ai cambiamenti dell'ambiente all’interno dei Data Center per ridurre i punti caldi - dove il requisito di carico va oltre il raffreddamento, e gli sprechi di energia - laddove il raffreddamento è superiore a quello effettivamente necessario.

In un recente case study, un grande Service Provider del Pacifico ha rimodernato il proprio sistema con l’intento di misurare automaticamente, analizzare e controllare l'uscita del raffreddamento per soddisfare le esigenze dell’ambiente dinamico del proprio Data Center. Testata dapprima in una singola stanza, la soluzione, una volta a regime, ha consentito di spegnere 13 unità CRAC ottenendo un risparmio del 37% di potenza media utilizzata nel primo anno di attività. Forte di questo successo che in breve ha ripagato l’investimento, il cliente sta adottando Data Center Operation: Cooling Optimize in tutto il campus del data center.

"Grazie a un mix di aggiornamenti del software in grado di apprendere in modo intelligente, e di sensori wireless nei rack del data center,” ha aggiunto Soeren Jensen, “i responsabili dei Data Center possono iniziare ad aggiornare i propri Data Center senza preoccupazioni e uniformarsi alle linee guida ASHRAE per la temperatura in ingresso, senza rischi per la disponibilità e senza nessun investimento in sistemi di raffreddamento oltre a quelli esistenti. A regime, si può raggiungere una riduzione del 40% nei costi di raffreddamento."

Nel 2014 Schneider Electric è stata posizionata da Gartner, Inc. leader nel primo Magic Quadrant for Data Center Infrastructure Management (DCIM) Tools[i] per la suite software StruxureWare™ for Data Center. Magic Quadrant; una delle principali fonti di analisi per la comparazione della concorrenza nel settore IT, sia per le disamine approfondite che offre su mercato e soluzioni, sia per la sintesi visiva tra direzione e maturità dei mercati per i principali vendor.

La suite software DCIM end-to-end di Schneider Electric consente la massima efficienza durante tutto il ciclo di vita del Data Center, dalla progettazione e costruzione, a funzionamento, assessment e pianificazione. Data Center Operation: Cooling Optimize è attualmente disponibile tramite Schneider Electric Ulteriori informazioni, sono disponibili sul sito web di Schneider Electric.

Gartner “Magic Quadrant for Data Center Infrastructure Management Tools” di Jay E. Pultz, David J. Cappuccio, April Adams, Federico De Silva, Naveen Mishra, Henrique Cecci, Rakesh Kumar, 22 settembre 2014

La versione integrale del Magic Quadrant è disponibile all'indirizzo www.gartner.com, visibile su abbonamento.

Gartner does not endorse any vendor, product or service depicted in its research publications, and does not advise technology users to select only those vendors with the highest ratings or other designation. Gartner research publications consist of the opinions of Gartner's research organization and should not be construed as statements of fact. Gartner disclaims all warranties, expressed or implied, with respect to this research, including any warranties of merchantability or fitness for a particular purpose.

Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì