I casi di successo delle aziende italiane
che hanno adottato soluzioni IT

Ricerca
per mercati e soluzioni:

Alimentare Applicazioni contabili/fiscali Architetture IT (Middleware, MFT, SOA, ESB) Assicurazioni e finanziarie Automazione Automotive Aziende associate Banche Big Data Analytics & Business Intelligence Biotecnologie e farmaceutica BPM - Business Process Management Casi di successo Chimica Cloud Computing Comunicati stampa Consumer CRM CSR (Attività sociali, donazioni, GreenIT) Dati, report e ricerche Difesa Digital API Innovation Distributori hardware e software Distribuzione e Servizi ECM - Gestione Documentale eCommerce Edilizia e costruzioni Education E-Learning/Formazione Elettronica Enterprise portal/CMS/Motori di ricerca Enti locali Eventi e sponsorizzazioni Fatturazione elettronica Fornitore di outsourcing/Managed Services/BPO Fornitore servizi di assistenza Fornitore servizi di consulenza Fusioni e acquisizioni Gestionale ERP (SCM, PLM) Global vendor hardware Global vendor software Gomma e materie plastiche Governance Hardware HR/Perfomance Management Industria ISV Legno e arredo Logistica e trasporti Mercato estero Metallurgia e meccanica Mobile Navale Network & System Management Nomine e lavoro Notizie corporate Operatore TLC Outsourcing ICT Partnership e accordi commerciali PMI Premi, risultati e certificazioni Prodotti e soluzioni Pubblica Amministrazione Report e ricerche Reseller hardware e software RFID Risultati finanziari Sanità Servizi IT (Data Center, Cloud computing, Storage) Sicurezza integrata (informatica e fisica) Software House Start Up Studi professionali/SOHO System integrator Telecomunicazioni & Media Telecontrollo Tessile e moda Travel & Transportation Unified Communication & Collaboration Utilities Utility VAR (Value Added Reseller)

CIR food adotta lo storage NetApp per affrontare al meglio le nuove sfide legate alla gestione e analisi dei dati

  • IN EVIDENZA
  • Settore: Ristorazione collettiva e commerciale
  • La sfida
  • Disporre di un’architettura storage estremamente potente, affidabile e flessibile, che garantisse la disponibilità dell’informazione in modo continuo, immediato e sicuro.
  • La soluzione
  • Architettura storage basata su FAS3240 con predisposizione per MetroCluster per split dei controller in due locali separati.
  • Benefici ottenuti
    • Risparmio sui costi di gestione
    • Incremento delle prestazioni
    • Affidabilità dei dati
    • Capacità espandibile
    • Semplicità e uniformità di gestione
    • Continuità nel business
    • Riduzione dei tempi di gestione storage
    • Espandibilità delle schede di I/O
    • Eliminazione downtime pianificati e non
    • Migliore livello di servizio
    • Supporto proattivo H24
       
  • I COMPONENTI DELLA SOLUZIONE
    Prodotti NetApp
    Piattaforma di storage midrange 
    NetApp FAS3240:
    • Predisposizione Metro Cluster
    • 2 moduli PAM (Performance 
    Acceleration Module) da 256 GB
    • 8 x FC 8 Gbps
    • 8 x RJ45 1 Gbps
    • 48 x 600 GB
    • 24 x 1 TB
    NetApp Clustered Data ONTAP, 
    che gestisce centralmente tutti 
    i sistemi di storage collegati fra 
    loro. Grazie alla funzione NDO 
    (Non Disruptive Operations), 
    gli upgrade e le manutenzioni 
    avvengono senza interruzioni.

Il cliente

CIR food Cooperativa Italiana di Ristorazione è una delle maggiori aziende italiane ed europee attive nella ristorazione collettiva (ristorazione scolastica, sociosanitaria, aziendale, per militari e comunità), nella ristorazione commerciale (ristoranti self service, pizzerie e focaccerie, snack bar e quick service restaurant) e nei buoni pasto con il marchio Bluticket. Nata nel 1992 dalla fusione di tre cooperative attive già dai primi anni ’70, oggi conta più di seimila soci, opera in 16 regioni italiane con 1.200 strutture produttive, distribuendo circa 80 milioni di pasti all’anno, grazie al lavoro di 11mila persone, la vera forza dell’impresa.

Da sempre, la filosofia aziendale di CIR food poggia su due pilastri: la massima soddisfazione del cliente e la divulgazione e promozione della ristorazione italiana e di una corretta cultura dell’alimentazione.

Expo 2015 ha affidato i servizi di ristorazione a CIR food che, all’interno dell’Esposizione Universale di Milano, gestisce direttamente 20 locali, che rappresentano il 25% dell’intera offerta ristorativa del sito. È presente con cinque nuovi format di servizio (Tracce, Chiccotosto, Viavai, Let’s Toast e Aromatica) pensati attentamente per soddisfare le esigenze di ogni tipo di clientela. CIR food fa vivere in Expo la sua idea di ristorazione, “Vivere il cibo. Solide radici per nutrire il futuro” sia nei propri punti di ristoro, che nell’organizzazione di tavole pubbliche e in piattaforme comunicative sul web.

La sfida

L’evoluzione del business e le applicazioni richiedono performance sempre maggiori in termini di capacità e prestazioni dello storage per memorizzare e recuperare i dati in modo rapido ed efficace, oltre a soddisfare ogni esigenza di analisi avanzata e progetti di intelligenza dei dati.

“CIR food ovviamente disponeva già di storage di livello enterprise: inizialmente solo di HP, integrato in seguito con altri sistemi IBM. Si trattava però di soluzioni ormai obsolete, dalle prestazioni non più adeguate all’evolversi del nostro business e anche poco convenienti dal punto di vista dei consumi energetici”, racconta Luca Baccarini, Direttore dei Sistemi informativi dell’azienda.

“Nel momento in cui è stata rinnovata l’infrastruttura tecnologica procedendo alla virtualizzazione dei server, con VMware e Suse come sistema operativo - una scelta sicuramente ‘fuori dagli schemi’ - e al cambiamento di sistema gestionale, passando a SAP, abbiamo deciso di adottare una nuova architettura storage”.

Complessivamente l’obiettivo di CIR food era quello di trovare una soluzione che rispondesse alle loro esigenze in termini di prestazioni, flessibilità, facilità di gestione e convenienza economica.

La soluzione

Avendo deciso di rinnovare l’infrastruttura storage del proprio data center, CIR food ha avviato un’accurata selezione per vagliare le soluzioni più adatte, come spiega Luca Baccarini: “Ne sono rimaste in lizza due. Complessivamente l’abbinata NetApp - un big player i cui prodotti si possono scegliere con tranquillità, consapevoli della validità e delle prestazioni ai massimi livelli - e Sedoc Digital Group, un partner con cui lavoriamo molto e abbiamo diverse sinergie, è risultata vincente”.

I volumi di informazioni e dati, già alti e in continuo aumento, richiedevano apparecchiature particolarmente performanti, flessibili sulla crescita e ottimizzate negli spazi. La scelta è caduta sul sistema NetApp FAS3240, una piattaforma midrange creata su misura per questo tipo di esigenze.

Questi storage completamente compatibili con tecnologie Flash supportano memorie flash interne, dischi allo stato solido (SSD) e cache server avanzate, permettendo di conseguire performance ottimali e minimizzando al tempo stesso l’investimento totale nella tecnologia flash. In questo modo si riduce significativamente la capacità storage totale richiesta.

I benefici ottenuti

Un’azienda che cresce e si evolve ha necessariamente bisogno di incrementare lo spazio storage disponibile, anche in funzione dei big data, ovvero quella mole di informazioni che arrivano da più canali e che, opportunamente aggregati e analizzati, possono essere molto utili per il proprio business. In particolar modo negli ultimi anni, quando la competizione si è fatta più intensa e ha aperto nuovi scenari di analisi. È il caso di CIR food che nei prodotti NetApp ha trovato una soluzione in grado di rispondere con rapidità e flessibilità alle mutevoli esigenze del mercato, traendo vantaggio al tempo stesso da tecnologie efficienti di storage avanzato.

“Ora disponiamo di un’infrastruttura storage dalle migliori prestazioni e maggiormente economica, nonché certificata per la piena integrazione con tutto il mondo applicativo che abbiamo implementato sia a livello di hypervisor di virtualizzazione, quindi con VMware, sia a livello di ERP con SAP”, spiega Luca Baccarini. “Tra le altre caratteristiche per noi importanti, gli snapshot a caldo e ad alta velocità, che permettono di acquisire una copia del volume di dati in pochi secondi, e la replica avanzata sincrona e asincrona, che protegge da disservizi sia pianificati che non”, continua il manager di CIR food. “A questo si aggiungono il sistema di compressione/deduplica - in pratica se su uno storage convenzionale utilizzo un terabyte di spazio, su uno NetApp posso ottenere fino al 90% di risparmio dello spazio disco - e le PAM (Performance Acceleration Module) da 256 GB ognuna”. Sono memorie interne allo storage di NetApp e consentono di accelerare le performance, quindi migliorare la velocità di trasferimento dei dati e diminuire la latenza, ovvero il tempo di risposta. Il software NetApp Data ONTAP in cluster, quindi che gestisce centralmente tutti i sistemi di storage collegati fra loro, consente di eliminare i downtime pianificati per aggiornamenti e modifiche al sistema, migliorando i livelli di servizio. Infatti, grazie alla funzione NDO (Non Disruptive Operations), gli upgrade e le manutenzioni avvengono senza interruzioni.

“Abbiamo predisposto le macchine per il Metro Cluster, che ci consente di suddividere lo storage su due siti all’interno della nostra sede, in modo da poter avere un primo livello di disaster recovery. È un’opzione che per il momento non stiamo sfruttando, in quanto abbiamo ancora un unico data center”, afferma Baccarini.

“Tra le altre caratteristiche per noi importanti, gli snapshot a caldo e ad alta velocità, che permettono di acquisire una copia del volume di dati in pochi secondi, e la replica avanzata sincrona e asincrona, che protegge da disservizi sia pianificati che non”, continua il manager di CIR food.

“A questo si aggiungono il sistema di compressione/deduplica - in pratica se su uno storage convenzionale utilizzo un terabyte di spazio, su uno NetApp posso ottenere fino al 90% di risparmio dello spazio disco - e le PAM (Performance Acceleration Module) da 256 GB ognuna”. Sono memorie interne allo storage di NetApp e consentono di accelerare le performance, quindi migliorare la velocità di trasferimento dei dati e diminuire la latenza, ovvero il tempo di risposta.

Il software NetApp Data ONTAP in cluster, quindi che gestisce centralmente tutti i sistemi di storage collegati fra loro, consente di eliminare i downtime pianificati per aggiornamenti e modifiche al sistema, migliorando i livelli di servizio. Infatti, grazie alla funzione NDO (Non Disruptive Operations), gli upgrade e le manutenzioni avvengono senza interruzioni.

“Abbiamo predisposto le macchine per il Metro Cluster, che ci consente di suddividere lo storage su due siti all’interno della nostra sede, in modo da poter avere un primo livello di disaster recovery. È un’opzione che per il momento non stiamo sfruttando, in quanto abbiamo ancora un unico data center”, afferma Baccarini.

“Stiamo valutando la possibilità, visto che NetApp la offre, di adottare un sistema di storage nel cloud e la relativa funzione di disaster recovery. In questo modo potremmo ‘acquistare’ capacità di memorizzazione a un costo molto più basso rispetto all’analoga soluzione fisica, per la quale è necessaria una sala predisposta con relativi consumi di energia, e si devono affrontare problematiche di obsolescenza tecnologica. È una scelta che probabilmente faremo, anche se non nel corso di quest’anno”.

 

21 settembre 2015
Esegui ricerca

Anitec-Assinform - Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT)
P.IVA: 10053550967 C.F.: 10053550967

Power by Kalì